Dolomiti Ampezzane - alpinicaerano

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dolomiti Ampezzane

Gruppo escursioni > 2014


                    Domenica 29 giugno
                      Parco delle Dolomiti Ampezzane  giro dei rifugi

Il Gruppo Escursionistico Alpini Caerano , domenica 25 maggio ha effettuato la settima uscita stagionale, un facile trekking all’ interno del parco naturale delle Dolomiti Ampezzane fra rifugi e laghetti, purtroppo il tempo non era bello  e ci ha tolto le viste panoramiche sulle Tofane e sulla Croda Rossa d’ ampezzo che caratterizzano queste valli.  
Il trekking inizia dal Rif. Ra Stua a quota 1.665mt, (dove si arriva con la macchina fino a fine giugno, poi c’è una navetta dal parcheggio sulla strada), seguendo il sentiero nr.6 che è una strada bianca, risaliamo la valle e giunti a Campo Croce, prendiamo a sx il sentiero nr.9 che sale non molto ripido fino al lago di Rudo e poi in quota al rif. Fodara Vedla 1.966 mt, dove facciamo una breve sosta, il tempo è ancora discreto qualche squarcio panoramico ci è concesso, oltre al rifugio c’è anche un piccolo villaggio di case in legno e una minuscola chiesetta, da qui una stradina scende a Marebbe in val Badia  ed era una via di rifornimento per le linee austriache durante la prima G.M.
Riprendiamo la salita verso il rif. Sennes 2.116mt, sentiero nr.7, dove arriviamo a mezzogiorno attraversando un bellissimo prato pieno di fiori multicolori con annessa marmotta, scopriamo che questa spianata è stata fatta dall’ esercito italiano nel 1969, come pista di atterraggio, ma il motivo ci resta sconosciuto, si vede ancora la cima della Croda del Becco ma poco dopo aver lasciato il rifugio le nuvole si abbassano e comincia piovere, (previsioni meteo rispettate alla lettera), i più decidono di continuare il giro , mentre un paio di persone decidono di ritornare al Sennes e poi rientrare per la strada.
Arriviamo al rifugio Biella 2.327 mt, immerso nelle nuvole, un po bagnati e cosa inusuale per noi, molti approfittano della sosta lunga per assaggiare la minestra di verdure locale.
Usciti dal rifugio iniziamo la discesa per il sentiero nr.26 , si è alzato anche il vento e con lui anche le nuvole , la visibilità e buona ma piove, arrivati ai laghetti a metà discesa, l’intensità della pioggia cala, fino quasi a scomparire, lasciandoci terminare l’ escursione un po più tranquilli. Giunti  a Ra Stua sfruttiamo il cambio biancheria lasciato in macchina e ci gustiamo i dolci delle nostre donne.
Prima giornata di pioggia dell’ anno per noi e speriamo sia l’ ultima.

Totale partecipanti 17.
Dislivello 750mt . Tempo 6 ore comprese le soste.
Prossima uscita, in pullman M.di Campiglio – Lago Tovel

Il coordinatore
Ivano  T.

Torna ai contenuti | Torna al menu