Viel del pan - alpinicaerano

Vai ai contenuti

Menu principale:

Viel del pan

Gruppo escursioni > 2014

Domenica 3 agosto
                                     Viel del pan – Ferrata delle Trincee


Il Gruppo Escursionistico Alpini Caerano, domenica 3 agosto ha effettuato la nona uscita stagionale, un facile trekking su un sentiero molto panoramico, con la possibilità di percorre la via ferrata sullo Spiz di Mesdì detta anche delle trincee perché si sviluppa su una linea austriaca della 1^ GM.    
L’escursione inizia dal Passo Pordoi, quindi già ad una buona quota, il tempo è bello di prima mattina e consente un ottima vista sul Gruppo del Sella alle nostre spalle, poi con una breve salita ci portiamo a forcella Freddarola, dove si cambia versante e vista , a nord il Gruppo del Sassoluno - Sasso Piatto- Cinque dita, in fondo la catena del Cattinaccio parzialmente coperta da nuvole, davanti a noi il gruppo Marmoalda con il Gran Vernel in primo piano e il ghiacciaio illuminato dal sole, lo sfondo è magnifico e quindi tutti in posa per la foto di gruppo. Poi per il facile sentiero che corre in costa in mezzo ai pascoli fioriti si prosegue, verso il rifugio Viel del pan, che raggiungiamo dopo un ora dalla partenza, davanti a noi in basso lo specchio azzurro del lago Fedaia, con la sua diga e come sfondo sempre il ghiacciaio. Dal rifugio gli otto che intendo fare la ferrata si avvantaggiano partendo un po prima, gli altri proseguono con più calma il sentiero fino a Porta Vescovo e poi al Rif. Padon, in fondo verso est si possono vedere anche la famosa parete nord ovest del Civetta e quando il sentiero tocca una forcella di cresta anche, verso nord –est il Col di lana e le Tofane come sfondo.
La ferrata all’ inizio si presenta abbastanza impegnativa con la salita e la discesa dallo Spiz de Mesdì, poi si trasforma in sentiero attrezzato, con ancora qualche passaggio in discesa di tutto rispetto e percorre una linea fortificata austriaca, con gallerie, postazioni, trincee e qualche rudere di ricovero, offre anche molte possibilità di discesa al sentiero sottostante.
Come da previsioni il tempo peggiora da ovest, ma ci mette un po ad arrivare a passo Fedaia, tanto che il gruppo principale riesce ad arrivare al pullman asciutto, mentre chi è in ferrata,decide di scendere per i pascoli poco prima dell’ ultima galleria che conduce al bivacco, raggiunto il sentiero sotto, inizia a piovere  quindi giacca e ombrello e giù, prima per prato, poi per la strada sterrata del passo Padon fino al pullman che ci attende a passo Fedaia.
La pioggia è consistente, quindi lo spuntino riusciamo a farlo solo a Busche, quando il nuvolone è passato.

Totale partecipanti 37  Dislivello 300mt con ferrata 550mt. Tempo 5 ore con la ferrata 6 ore e mezza comprese le soste.
Prossime uscite, la ferrata Costantini , e la due giorni a Passo Falzarego

Il coordinatore
Ivano  T.

Torna ai contenuti | Torna al menu